Teamviewer ora anche per iPhone

TeamViewer rilascia la versione per iPhone ed iPod touch del suo client per il controllo remoto del Mac e del PC. Possibile lanciare applicazioni, gestire il desktop, operare sui settaggi e riavviare la macchina connessi in Wifi e anche in 3G.
Gratis per uso personale professionale.

Ora il Mac (o il PC) si controllano direttamente da iPhone e iPod touch. La possibilità di gestire un computer connesso in rete da ovunque nel mondo semplicemente usando un dispositivo da tasca Apple è aperta dal lancio della versione per iPhone Os di Teamviewer.
Il programma, di fatto una console che riproduce a distanza il desktop di un computer remoto, è ben noto agli utenti della Mela. Il client per Mac Os è in circolazione da tempo e largamente utilizzato sia da utenti consumer che utenti professionali. Una volta lanciato su due macchine che vengono messe in dialogo tra loro semplicemente digitando una password e una login, è possibile manovrare ogni elemento di un computer utilizzando una finestra che ne riproduce il desktop. La stessa cosa avviene ora con iPhone e iPod touch; si scarica il client sul Mac o sul computer Windows, si lancia TeamViewer che ci fornirà una password e una login sotto forma di un codice numerico. A quel punto apriremo TeamViewer su iPhone e iPod touch e il gioco è fatto: sul nostro dispositivo da tasca appArirà la scrivania del Mac o del PC e potremo fare tutto quello che facciamo di fronte al computer, o quasi.
TeamViewer per iPhone è utile in diverse situazioni. Dal verificare che sta accadendo sulla nostra macchina al lavoro, in ufficio o in casa, alla gestione di un computer di un amico o di un cliente che sono in difficoltà. TeamViewer è in grado di fornire accesso a diversi computer remoti, di gestire tutte le funzioni sulla macchina remota e di proteggere la connessione con un collegamento cifrato.
Ovviamente usare un iPhone per vedere la scrivania di un Mac o di un PC non è certo semplice come usare un altro Mac o un altro PC per fare la stessa cosa. Nonostante l'ottimizzazione del flusso di dati la velocità del refresh non è elevatissima e c'è qualche difficoltà nell'impartire comandi con un tap o con le gesture al posto di un mouse.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...